Munus

Italia - Prima relazione biennale SIEG 2014

Organo
Commissione europea
Data Pubblicazione in GU
10 settembre 2015
Per l'Italia, la prima relazione nazionale sugli aiuti di stato per la fornitura di servizi pubblici si compone di quattro capitoli dedicati, rispettivamente, all'edilizia sociale, ai collegamenti marittimi verso le isole, ai collegamenti aerei e aeroporti e al settore delle poste. È inclusa, inoltre, un'ultima sezione dedicata al Servizio sanitario nazionale di cui viene però precisato trattasi, nel nostro ordinamento, di settore privo di rilevanza economica poiché basato sul principio solidaristico. Il primo capitolo riguarda l'edilizia sociale, ovvero sono trattate le compensazioni per SIEG che si riferiscono agli incarichi di fornitura di edilizia sociale diretta a rendere disponibili alloggi per i cittadini in condizioni economiche svantaggiate. Di ciò sono competenti le regioni che si avvalgono di comuni e altri enti pubblici, mentre lo stato svolge principalmente il ruolo di soggetto finanziatore. Nel secondo capitolo, dedicato ai collegamenti marittimi verso le isole, si specifica che gli oneri di servizio pubblico riguardano le rotte di cabotaggio insulare, che collegano l'Italia continentale con i porti delle isole. Aiuti di stato, nel periodo considerato, sono stati concessi alle due imprese che hanno acquisito il controllo dei rami di azienda preposti all'erogazione del servizio pubblico di collegamento marittimo delle due società incaricate. Nei collegamenti aerei e in relazione agli aeroporti, trattati dal terzo capitolo, gli oneri di servizio pubblico oggetto di compensazione sono relativi alle rotte a bassa densità di traffico, ma considerate essenziali per lo sviluppo economico e sociale di regioni periferiche o in via di sviluppo. L'imposizione di oneri ha lo scopo di garantire la continuità territoriale delle aree geografiche interessate. Non sono segnalati invece aiuti per quanto riguarda i SIEG gestiti dagli aeroporti. Quello delle poste è il quarto settore preso in considerazione e riguarda il servizio postale universale e la consegna di invii elettorali dei candidati a tariffa ridotta, ma nel periodo in esame non sono state erogate compensazioni. Infine, il rapporto si occupa del servizio sanitario nazionale, cui non dovrebbe applicarsi, in linea di principio, la decisione 2012/21/UE, perché si tratta di servizio privo di rilevanza economica. Tuttavia, viene messo in evidenza nella relazione come anche per le strutture private accreditate sono previsti vincoli e meccanismi tali, per la determinazione delle tariffe, da garantire che siano soddisfatte le condizione stabilite dalla giurisprudenza europea, permettendo di escludere l'attribuzione di alcun indebito vantaggio economico.
You are here  : Home TEMI TRASVERSALI Aiuti di stato Documenti Italia - Prima relazione biennale SIEG 2014